Vi siete mai chiesti quali sono i principali strumenti che utilizzano i cani per comunicare tra di loro?
Noi umani utilizziamo molto il linguaggio verbale, dando meno importanza a quello non verbale.

A volte però, anche per noi, quello non verbale è molto più eloquente di quello che trasmettiamo tramite il contenuto. Basti pensare ad espressioni del volto, a gesti fatti con le mani, alle posizioni del nostro corpo o di alcuni “pezzi” di esso.

I cani, non hanno sviluppato un linguaggio verbale così articolato come il nostro, ma ovviamente comunicano tra di loro.

Allora come comunicano tra di loro i cani?

Proprio perché non articolano le parole come noi, per comunicare tra di loro i cani utilizzano principalmente tutto quello che non è verbale per “dirsi” ciò che devono “dirsi”.

Analizziamo insieme gli aspetti principali di questo loro modo di “parlarsi”.

Prima di tutto, la domanda che faccio SEMPRE ai miei allievi quando affronto questo argomento è: “avete mai osservato i cani, se sono esemplari equilibrati, come cominciano ad approcciarsi tra di loro?

Le risposte sono tra le più disparate, ma la prima in assoluto è “si annusano!”

Corretto, ma mi viene subito da ribattere “PRIMA ancora di arrivare al contatto, avete mai notato come si approcciano?”
Qui solitamente comincia un elenco di risposte. Ve ne riporterò qualcuna:

  • “Si siedono”
  • “Si sdraiano”
  • “Si avvicinano lentamente”
  • “Si immobilizzano”

Bravi, siete degli ottimi osservatori! Non esiste una risposta corretta perché lo sono tutte.
Questi appena elencati, infatti, sono alcuni esempi di come i cani cominciano ad avvicinarsi.

A cosa servono queste azioni?

Queste azioni, in termine “tecnico” vengono dette “segnali calmanti di pacificazione”.

Ma quali sono e a cosa servono?

Cominciamo ad elencare i segnali calmanti di pacificazione:

  • Girare la testa

  • Guardare altrove o distogliere lo sguardo

  • Annusare l’aria

  • Leccare l’aria

  • Voltarsi di lato, dare il fianco

  • Posizione di invito al gioco

  • Sedersi

  • Mettersi a terra

  • Buttarsi a pancia all’aria (sottomissione passiva)

  • Socchiudere gli occhi

  • Sbattere le palpebre

  • Camminare o muoversi lentamente

  • Annusare per terra o fingere di fare altro

  • Avanzare descrivendo una curva

  • Leccarsi il naso

  • Leccare il muso dell’altro (sottomissione attiva)

  • Immobilizzarsi

  • Agitare la coda

  • Alzare la zampa anteriore

  • Alzare la zampa posteriore

  • Schioccare le labbra

  • Fare pipì

  • Orecchie tirate indietro

I segnali calmanti - | PlayDog Addestramento cani Milano
I segnali calmanti - | PlayDog Addestramento cani Milano
I segnali calmanti - | PlayDog Addestramento cani Milano

Questi segnali calmanti non vengono messi in atto uno alla volta, ma il cane spesso ne utilizza più di uno contemporaneamente.
Come suggerisce il nome “segnali calmanti di pacificazione”, servono proprio per pacificarsi. Quindi, in una prima fase di conoscenza, questi segnali comunicano intenzioni pacifiche. Per dirla come la direi a voce, stringono una sorta di “patto di non belligeranza”. Se dovessero essere tradotti in linguaggio verbale, la traduzione potrebbe essere “ciao, mi chiamo Fido e vengo in pace. Ho intenzioni pacifiche, non ti voglio fare del male!”.

La cosa fondamentale è che ci sia tra i cani che li mettono in atto una sorta di botta e risposta, proprio per comunicare le intenzioni di tutti gli esemplari coinvolti.
Se dovessimo notare che non tutti gli individui coinvolti rispondono con intenzioni pacifiche, potrebbe essere il caso di allontanarci da questa situazione.

Oltre a questa casistica, i segnali calmanti vengono utilizzati anche per altri tipi di comunicazione. Esistono infatti quelli che possiamo definire di “scarico di stress”.

Quali sono e quando vengono messi in atto i “segnali calmanti di scarico di stress”?

Come dice la parola stessa, vengono messi in atto dal cane quando si trova in una situazione per lui stressante e servono proprio per scaricare lo stress scaturito da essa. Se dovessimo dare una traduzione verbale, potrebbe essere “oddio, cosa è successo? L’ho scampata!”

Un esempio pratico che mi viene in mente: cane che non tollera molto il contatto con le persone e viene accarezzato da uno sconosciuto.

Mentre si cercherà di accarezzarlo, potrebbe mettere in atto uno o più di questi comportamenti:

  • Leccarsi il naso
  • Girare la testa
  • Guardare altrove o distogliere lo sguardo
  • Tirare indietro le orecchie

Ne riconoscete qualcuno? In questo caso indicano che la situazione in cui si sta trovando è per lui stressante.

Alla fine di questa interazione, potrebbe esibire uno o più di questi comportamenti:

  • Grattarsi
  • Sbadigliare
  • Scrollarsi (shake)

Questi comportamenti scaricano, buttano via lo stress che la mano dello sconosciuto ha provocato mentre lo accarezzava.

I segnali calmanti - | PlayDog Addestramento cani Milano
I segnali calmanti - | PlayDog Addestramento cani Milano

Perché è importante conoscerli?

Come abbiamo visto nei paragrafi precedenti, saper riconoscere i segnali calmanti di pacificazione è fondamentale per noi per poter innanzitutto capire cosa “si stanno dicendo” i nostri cani quando si conoscono, ma anche in situazioni in cui si conoscono di già e vogliono cominciare un’interazione. Questo ci permette di avere più consapevolezza quando siamo, ad esempio, nell’area cani (delle cui regole ne abbiamo parlato qui) in mezzo a tanti individui e capire come agire.

Così com’è molto importante saper riconoscere quando il nostro cane sta manifestando una situazione di disagio tramite i segnali calmanti di scarico di stress per poterle prevenire, capire se le gestisce nella maniera corretta scaricando l’emozione che ne scaturisce ed eventualmente intervenire contattando un educatore esperto che possa aiutare voi a riconoscere quali sono queste situazioni ed il vostro cane ad affrontarle nella maniera più consona per lui!

Per maggiori info: 338 18 74 968

orari: 9.30-13.00 / 14.30-18.00

segreteria@playdog.info

Contattaci, siamo sempre a tua disposizione.

Per maggiori info:

338 18 74 968
orari: 9.30-13.00 / 14.30-18.00

segreteria@playdog.info

Contattaci, siamo sempre a tua disposizione.